Ascoltare i Campanelli d’allarme

Il sistema d’origine del nostro corpo percepisce ogni stimolo solo come piacevole o doloroso. Tutto viene così assegnato a queste due sensazioni e memorizzato. Questo è stato fondamentale per la nostra sopravvivenza.

Più percepiamo uno stimolo conosciuto e le conseguenze non sono sgradevoli per noi, più ci piace. Secondo il motto, ciò che non ci fa male ci fa bene.

Questo spiega anche perché spesso mangiamo gli stessi pochi alimenti più e più volte.

L’unico problema è che la natura non ha prevista il nostro cibo industriale moderno.

Spesso ci piacciono particolarmente quei cibi che non ci fanno bene.

Questa è la falsa classificazione di uno stimolo in uno delle due categorie piacere o male.

Tre meccanismi possono portare a questa inversione della percezione:

  1.  Reazione negativa ritardata (il cibo porta a reazioni dopo 2-3 giorni)
  2. Reazione negativa a distanza (il cibo non provoca una reazione nel tratto digestivo, ma di altro genere tipo mal di testa, eczemi, stanchezza, ecc.)
  3. Le reazioni negative sono percepite, ma ignorate o soppresse (ad esempio con farmaci)

Se i sistemi d’ allarme del corpo non vengono percepiti, ignorati o soppressi, i campanelli d’ allarme si spengono o vengono interpretati scorrettamente. Il nostro corpo non è più in grado di differenziare tra bene e male.

Poiché il nostro corpo non può reagire costantemente con diarrea, vomito o altri sintomi, si protegge regolando e/o reinterpretando i segnali di allarme dopo un certo tempo.

La PRIMA reazione ad una sostanza quindi conta per capire se una sostanza ci fa bene o male!

La prima sigaretta, o la prima bevanda alcolica, probabilmente innesca una reazione avversa in ognuno di noi.

Se ignoriamo queste sensazioni e / o in aggiunta collegare la sostanza con le emozioni positive, il nostro corpo imposta il sistema di allarme.

Se consumiamo la sostanza in modo ripetitivo, essa comincia a piacerci.

Il corpo ha invertito la sua interpretazione originale da “cattivo” a “buono”.

Anche se non percepiamo più le sensazioni negative, il cibo o le sostanze corrispondenti non ci fanno bene.

Il problema è che le sostanze continuano ad affaticare in modo silenzioso (spesso infiammatorio) il nostro corpo. Siamo in grado di compensare per anni finché notiamo i danni.

La malattia è quindi spesso il risultato di anni di precedenti segnali d’ allarme non ascoltati.

Tuttavia, la nostra medicina moderna spegne solo i campanelli d’allarme e interviene quando abbiamo già raggiunto l’ultima fase, spesso irreversibile.

Dovremmo imparare di nuovo ad ascoltare i nostri campanelli d’ allarme, a interpretarli e a cambiare il nostro comportamento prima che la malattia possa svilupparsi.

Modello di sviluppo della malattia:

Livello 1:

  • bruciore di stomaco, diarrea, costipazione, flatulenza, dolore addominale
  • reazioni cutanee
  • cefalee
  • stanchezza, fatica, irritabilità

Livello 2:

  • riflusso
  • asma, eczema, allergie
  • Bronchite ricorrente, tonsillite
  • livelli elevati di pressione sanguigna, colesterolo o zucchero
  • Sbilanciamenti ormonali

Livello 3:

  • eczema cronico
  • (cronico) Bronchite cronica
  • Gastrite (gastrite)
  • Diabete Mellito Tipo 2
  • polipi

Livello 4:

  • Tumori 
  • infarti
  • malattie neurologiche (Alzheimer, Parkinson, sclerosi multipla)

 

Write a comment